commissione finanze Archive

  • Roma 17 novembre – Il servizio di riscossione delle imposte in Sicilia sopravviverà alla soppressione di Equitalia. Il governo ha infatti accolto un ordine del giorno presentato dai deputati del Pd Franco Ribaudo e Magda Culotta che lo impegna “ad attivare immediatamente tutte le procedure necessarie, attraverso accordi con la regione Sicilia, previa conferenza Stato Regioni, che assicurino la continuità e l’unitarietà del servizio di riscossione nel territorio siciliano”. “L’obiettivo del tavolo di confronto – sottolineano Ribaudo e Culotta – “è di avere una unità di riscossione in tutta Italia, in modo che costituenda Agenzia possa incorporare Riscossione Sicilia”. Mi piace:Mi piace Caricamento...

    Ribaudo e Culotta (Pd): “Imposte, governo accoglie ordine del giorno, assicurata la riscossione in Sicilia”

    Roma 17 novembre – Il servizio di riscossione delle imposte in Sicilia sopravviverà alla soppressione di Equitalia. Il governo ha infatti accolto un ordine del giorno presentato dai deputati del Pd Franco Ribaudo e Magda Culotta che lo impegna “ad attivare immediatamente tutte le procedure necessarie, attraverso accordi con la regione Sicilia, previa conferenza Stato Regioni, che assicurino la continuità e l’unitarietà del servizio di riscossione nel territorio siciliano”. “L’obiettivo del tavolo di confronto – sottolineano Ribaudo e Culotta – “è di avere una unità di riscossione in tutta Italia, in modo che costituenda Agenzia possa incorporare Riscossione Sicilia”. Mi piace:Mi piace Caricamento...

    Continue Reading...

  • Roma 16 giugno – I consumi di energia nel sistema agricolo-alimentare italiano sono diminuiti sia in termini assoluti (-21% da 16,79 a 13,3 Mtep) sia come quota parte dell’energia finale consumata in Italia fra il 2013 e il 2014 (dal 13% all’11,1%), ma restano spazi importanti per ulteriori riduzioni con soluzioni e tecnologie green, ad esempio nel settore alimentare che consuma il doppio di quello agricolo (8,57 contro 4,73 Mtep). Questa la fotografia presentata dall’ENEA in occasione del workshop “Efficienza Energetica per la competitività delle imprese agricole, agroalimentari e forestali”, organizzato dall’Agenzia con la partecipazione tra gli altri di GSE, CREA, Coldiretti, FIRE, Assoesco. L’ENEA stima possibili risparmi energetici del 25% nell’irrigazione, del 70% nella ventilazione degli ambienti industriali e del 20% nella produzione e trasformazione agroalimentare con interventi di efficienza energetica e tecnologie verdi da applicare sia nella produzione, trasformazione, conservazione dei prodotti, compresi fitosanitari e fertilizzanti, sia nella climatizzazione degli ambienti di lavoro. Si tratta di soluzioni con un tempo di ritorno dell’investimento da 5 a 7 anni basate principalmente su impianti di solar cooling, led ad alta […]

    Agricoltura: consumi energetici in calo del 21% ma con efficienza risparmi fino al 70%

    Roma 16 giugno – I consumi di energia nel sistema agricolo-alimentare italiano sono diminuiti sia in termini assoluti (-21% da 16,79 a 13,3 Mtep) sia come quota parte dell’energia finale consumata in Italia fra il 2013 e il 2014 (dal 13% all’11,1%), ma restano spazi importanti per ulteriori riduzioni con soluzioni e tecnologie green, ad esempio nel settore alimentare che consuma il doppio di quello agricolo (8,57 contro 4,73 Mtep). Questa la fotografia presentata dall’ENEA in occasione del workshop “Efficienza Energetica per la competitività delle imprese agricole, agroalimentari e forestali”, organizzato dall’Agenzia con la partecipazione tra gli altri di GSE, CREA, Coldiretti, FIRE, Assoesco. L’ENEA stima possibili risparmi energetici del 25% nell’irrigazione, del 70% nella ventilazione degli ambienti industriali e del 20% nella produzione e trasformazione agroalimentare con interventi di efficienza energetica e tecnologie verdi da applicare sia nella produzione, trasformazione, conservazione dei prodotti, compresi fitosanitari e fertilizzanti, sia nella climatizzazione degli ambienti di lavoro. Si tratta di soluzioni con un tempo di ritorno dell’investimento da 5 a 7 anni basate principalmente su impianti di solar cooling, led ad alta […]

    Continue Reading...

  • Palermo 14 aprile – “Il Governo Nazionale rispetti gli impegni presi e non faccia attendere ancora la Regione Siciliana per il trasferimento del mezzo miliardo di euro accantonato nell’ultima legge di stabilità.” Lo scrive in una nota il deputato siciliano del Pd Franco Ribaudo, componente delle commissioni finanze e  questioni regionali. “In assenza – continua –  di  queste risorse già previste in bilancio, molti enti non potranno assicurare la gestione dei servizi e l’erogazione degli stipendi per i dipendenti. Occorre definire il tavolo immediatamente, per chiudere l’intesa e rendere disponibili le risorse.” “Va chiarito – conclude – che si tratta di somme spettanti alla Regione Siciliana, in quanto parte di tributi maturati in Sicilia, riconosciuteci da diverse sentenze e che nel passato sono state incamerate dallo Stato ”. Mi piace:Mi piace Caricamento...

    Ribaudo (Pd): “Il governo nazionale rispetti impegni presi e trasferisca al più presto il mezzo miliardo di euro spettante alla Regione Siciliana”.

    Palermo 14 aprile – “Il Governo Nazionale rispetti gli impegni presi e non faccia attendere ancora la Regione Siciliana per il trasferimento del mezzo miliardo di euro accantonato nell’ultima legge di stabilità.” Lo scrive in una nota il deputato siciliano del Pd Franco Ribaudo, componente delle commissioni finanze e  questioni regionali. “In assenza – continua –  di  queste risorse già previste in bilancio, molti enti non potranno assicurare la gestione dei servizi e l’erogazione degli stipendi per i dipendenti. Occorre definire il tavolo immediatamente, per chiudere l’intesa e rendere disponibili le risorse.” “Va chiarito – conclude – che si tratta di somme spettanti alla Regione Siciliana, in quanto parte di tributi maturati in Sicilia, riconosciuteci da diverse sentenze e che nel passato sono state incamerate dallo Stato ”. Mi piace:Mi piace Caricamento...

    Continue Reading...

  • Roma, 06 aprile – Prorogata la scadenza del 730. I contribuenti avranno tempo fino al 23 luglio, e non al 7 come precedentemente stabilito, per presentare la propria dichiarazione dei redditi. Lo annuncia Franco Ribaudo, deputato del Partito democratico, autore della risoluzione sull’argomento approvata all’unanimità da parte della Commissione Finanze della Camera. “Con l’approvazione della risoluzione che prevede la proroga per la presentazione del 730 del 2016, consolidiamo il processo di trasparenza e di funzionamento del meccanismo delle dichiarazioni da parte dei contribuenti, consentendo nel frattempo di rispettare i tempi di trasmissione dei dati e l’effettuazione dei rimborsi”. Lo afferma Franco Ribaudo (Pd) commentando l’approvazione all’unanimità in commissione Finanze della Camera della risoluzione da lui presentata sull’argomento. Secondo il documento, spiega Ribaudo, “i contribuenti avranno tempo fino al 23 luglio, e non al 7 come in precedenza, per presentare la dichiarazione dei redditi. I Caf, invece, dovranno trasmettere l’80% dei dati entro il 7 luglio, e la rimanente parte entro il 23 luglio”. Mi piace:Mi piace Caricamento...

    Ribaudo (Pd): Fisco, prorogata la scadenza 730 al 23 luglio

    Roma, 06 aprile – Prorogata la scadenza del 730. I contribuenti avranno tempo fino al 23 luglio, e non al 7 come precedentemente stabilito, per presentare la propria dichiarazione dei redditi. Lo annuncia Franco Ribaudo, deputato del Partito democratico, autore della risoluzione sull’argomento approvata all’unanimità da parte della Commissione Finanze della Camera. “Con l’approvazione della risoluzione che prevede la proroga per la presentazione del 730 del 2016, consolidiamo il processo di trasparenza e di funzionamento del meccanismo delle dichiarazioni da parte dei contribuenti, consentendo nel frattempo di rispettare i tempi di trasmissione dei dati e l’effettuazione dei rimborsi”. Lo afferma Franco Ribaudo (Pd) commentando l’approvazione all’unanimità in commissione Finanze della Camera della risoluzione da lui presentata sull’argomento. Secondo il documento, spiega Ribaudo, “i contribuenti avranno tempo fino al 23 luglio, e non al 7 come in precedenza, per presentare la dichiarazione dei redditi. I Caf, invece, dovranno trasmettere l’80% dei dati entro il 7 luglio, e la rimanente parte entro il 23 luglio”. Mi piace:Mi piace Caricamento...

    Continue Reading...

  • Roma  19 febbraio – “Se è vero che il sud fa parte dell’agenda del Governo, allora si finanzino subito gli strumenti di politiche attive del lavoro: autoimpiego, lavoro autonomo, contratti di sviluppo, sgravi totali per le nuove assunzioni. Si avvii una forte campagna di investimenti in opere pubbliche, funzionali allo sviluppo del territorio.” Lo scrive in una nota il deputato del Pd Franco Ribaudo a seguito della discussione dell’interpellanza sul mancato finanziamento di Invitalia. LEGGI IL RESOCONTO (Iniziative di competenza per garantire gli incentivi a favore dell’autoimpiego gestiti dall’Agenzia nazionale per l’attrazione d’investimenti e lo sviluppo d’impresa – n. 2-01238)   PRESIDENTE. Passiamo all’interpellanza urgente Ribaudo ed altri n. 2–01238 (Vedi All. A), concernente iniziative di competenza per garantire gli incentivi a favore dell’autoimpiego gestiti dall’Agenzia nazionale per l’attrazione d’investimenti e lo sviluppo d’impresa (Vedi l’allegato A – Interpellanze urgenti). Vedo l’onorevole Ribaudo in piedi, quindi gli do direttamente la parola per illustrare la sua interpellanza.   FRANCESCO RIBAUDO. Presidente, come tutti sappiamo, ad agosto dell’anno scorso, è stata pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale un avviso in cui si diceva che da quel momento […]

    Ribaudo (Pd): “Si finanzi subito Invitalia, il Sud faccia parte dell’agenda di Governo”.

    Roma  19 febbraio – “Se è vero che il sud fa parte dell’agenda del Governo, allora si finanzino subito gli strumenti di politiche attive del lavoro: autoimpiego, lavoro autonomo, contratti di sviluppo, sgravi totali per le nuove assunzioni. Si avvii una forte campagna di investimenti in opere pubbliche, funzionali allo sviluppo del territorio.” Lo scrive in una nota il deputato del Pd Franco Ribaudo a seguito della discussione dell’interpellanza sul mancato finanziamento di Invitalia. LEGGI IL RESOCONTO (Iniziative di competenza per garantire gli incentivi a favore dell’autoimpiego gestiti dall’Agenzia nazionale per l’attrazione d’investimenti e lo sviluppo d’impresa – n. 2-01238)   PRESIDENTE. Passiamo all’interpellanza urgente Ribaudo ed altri n. 2–01238 (Vedi All. A), concernente iniziative di competenza per garantire gli incentivi a favore dell’autoimpiego gestiti dall’Agenzia nazionale per l’attrazione d’investimenti e lo sviluppo d’impresa (Vedi l’allegato A – Interpellanze urgenti). Vedo l’onorevole Ribaudo in piedi, quindi gli do direttamente la parola per illustrare la sua interpellanza.   FRANCESCO RIBAUDO. Presidente, come tutti sappiamo, ad agosto dell’anno scorso, è stata pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale un avviso in cui si diceva che da quel momento […]

    Continue Reading...

Close
Segui l'On. Franco Ribaudo
Parlamentare del Partito Democratico
rimani aggiornato attraverso i social network
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: