equità Archive

  • 5-06302 Ribaudo: Sull’equipollenza dei diplomi finali rilasciati dalle istituzioni Afam nei percorsi di studio dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica. Il sottosegretario Gabriele TOCCAFONDI risponde all’interrogazione nei termini riportati (vedi allegato 2). Simona Flavia MALPEZZI (PD), in qualità di cofirmataria, si dichiara soddisfatta. ALLEGATO 2 TESTO DELLA RISPOSTA Gli Onorevoli interroganti, in merito alla lamentata disparità generata dalla normativa prevista dall’articolo 1, comma 107, della legge di stabilità per l’anno 2013 (legge 24 dicembre 2012, n. 228) riguardante l’equipollenza dei diplomi finali rilasciati dalle istituzioni AFAM, nei percorsi di studio dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, chiedono se il Ministro intenda superare tale disuguaglianza in sede di emanazione del decreto interministeriale sulle modalità di valutazione e di equipollenza dei titoli accademici di cui all’articolo 1, comma 21, dalla legge 13 luglio 2015, n. 107. La questione è ben presente a questo Ministero che si è sempre mostrato favorevole ad un suo superamento, tanto che ha espresso parere favorevole all’emendamento parlamentare, a prima firma dello stesso interrogante, presentato in sede di conversione del decreto-legge 30 dicembre 2015, n. 210, recante proroga […]

    Interrogazione Ribaudo: Sull’equipollenza dei diplomi finali rilasciati dalle istituzioni Afam nei percorsi di studio dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica.

    5-06302 Ribaudo: Sull’equipollenza dei diplomi finali rilasciati dalle istituzioni Afam nei percorsi di studio dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica. Il sottosegretario Gabriele TOCCAFONDI risponde all’interrogazione nei termini riportati (vedi allegato 2). Simona Flavia MALPEZZI (PD), in qualità di cofirmataria, si dichiara soddisfatta. ALLEGATO 2 TESTO DELLA RISPOSTA Gli Onorevoli interroganti, in merito alla lamentata disparità generata dalla normativa prevista dall’articolo 1, comma 107, della legge di stabilità per l’anno 2013 (legge 24 dicembre 2012, n. 228) riguardante l’equipollenza dei diplomi finali rilasciati dalle istituzioni AFAM, nei percorsi di studio dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, chiedono se il Ministro intenda superare tale disuguaglianza in sede di emanazione del decreto interministeriale sulle modalità di valutazione e di equipollenza dei titoli accademici di cui all’articolo 1, comma 21, dalla legge 13 luglio 2015, n. 107. La questione è ben presente a questo Ministero che si è sempre mostrato favorevole ad un suo superamento, tanto che ha espresso parere favorevole all’emendamento parlamentare, a prima firma dello stesso interrogante, presentato in sede di conversione del decreto-legge 30 dicembre 2015, n. 210, recante proroga […]

    Continue Reading...

  • da deputatipd.it Tracciabilità dei prodotti Le etichette di nuova generazione a tutela del consumatore Approvata in prima lettura alla Camera una nostra proposta di legge che garantisce incentivi alle piccole e medie imprese che utilizzano strumenti innovativi per la tracciabilità dei prodotti a tutela dei consumatori. Le etichette di nuova generazione saranno leggibili con smartphone e tablet ed eviteranno le contraffazioni dall’agroalimentare alla pelletteria, alla farmaceutica fino alla meccanica. Speciale I TEMI DELLA SETTIMANA Unione europea Approvata la Relazione programmatica per il 2016 La Relazione programmatica sull’Unione Europea per il 2016 ha ottenuto il sì della Camera. Un risultato importante per la ridefinizione e il compimento del progetto europeo. L’Italia è protagonista di questo percorso a cominciare dallo sviluppo delle politiche di occupazione e integrazione. Relazione e comunicato di Marina Berlinghieri Dichiarazione di voto di Chiara Scuvera Lotta alla contraffazione Misure a tutela del sistema olivicolo oleario italiano Approvata la nostra risoluzione che ha come fine principale la cura, la gestione e, in particolare, il controllo accurato del settore olivicolo oleario, una delle aree di eccellenza dell’intero comparto agricolo. Nel testo, […]

    Tracciabilità dei prodotti, Unione Europea, lotta contraffazione, disabilità e gli altri temi della settimana

    da deputatipd.it Tracciabilità dei prodotti Le etichette di nuova generazione a tutela del consumatore Approvata in prima lettura alla Camera una nostra proposta di legge che garantisce incentivi alle piccole e medie imprese che utilizzano strumenti innovativi per la tracciabilità dei prodotti a tutela dei consumatori. Le etichette di nuova generazione saranno leggibili con smartphone e tablet ed eviteranno le contraffazioni dall’agroalimentare alla pelletteria, alla farmaceutica fino alla meccanica. Speciale I TEMI DELLA SETTIMANA Unione europea Approvata la Relazione programmatica per il 2016 La Relazione programmatica sull’Unione Europea per il 2016 ha ottenuto il sì della Camera. Un risultato importante per la ridefinizione e il compimento del progetto europeo. L’Italia è protagonista di questo percorso a cominciare dallo sviluppo delle politiche di occupazione e integrazione. Relazione e comunicato di Marina Berlinghieri Dichiarazione di voto di Chiara Scuvera Lotta alla contraffazione Misure a tutela del sistema olivicolo oleario italiano Approvata la nostra risoluzione che ha come fine principale la cura, la gestione e, in particolare, il controllo accurato del settore olivicolo oleario, una delle aree di eccellenza dell’intero comparto agricolo. Nel testo, […]

    Continue Reading...

  • da deputatipd.it Dopo di noi Primo sì a una legge attesa da migliaia di persone La Camera ha approvato in prima lettura la proposta di legge sul Dopo di noi per assicurare un futuro alle persone con disabilità anche dopo la scomparsa di coloro che se ne prendevano cura. La legge viene incontro al desiderio dei genitori di assicurare al proprio figlio tutte le cure e l’assistenza di cui necessita e di veder garantito quel progetto di vita costruito negli anni. Il provvedimento affronta le questioni riguardanti la disabilità in modo organico. Innanzitutto mette fine all’insopportabile distinzione per categorie in vigore fino a ora; punta a favorire il benessere, l’inclusione sociale e l’autonomia delle persone con disabilità, e lo fa con una strategia che ne abbraccia i diversi aspetti problematici. Davvero molte perplessità ha destato dunque il voto contrario del Movimento 5 Stelle. Speciale   I TEMI DELLA SETTIMANA Democrazia paritaria L’equilibrio di genere nei consigli regionali è legge La democrazia paritaria fa un altro, fondamentale, passo avanti. L’equilibrio di genere viene esteso anche ai consigli regionali. Con il voto finale […]

    Dopo di noi, democrazia paritaria, olimpiadi, concorsi e gli altri temi della settimana

    da deputatipd.it Dopo di noi Primo sì a una legge attesa da migliaia di persone La Camera ha approvato in prima lettura la proposta di legge sul Dopo di noi per assicurare un futuro alle persone con disabilità anche dopo la scomparsa di coloro che se ne prendevano cura. La legge viene incontro al desiderio dei genitori di assicurare al proprio figlio tutte le cure e l’assistenza di cui necessita e di veder garantito quel progetto di vita costruito negli anni. Il provvedimento affronta le questioni riguardanti la disabilità in modo organico. Innanzitutto mette fine all’insopportabile distinzione per categorie in vigore fino a ora; punta a favorire il benessere, l’inclusione sociale e l’autonomia delle persone con disabilità, e lo fa con una strategia che ne abbraccia i diversi aspetti problematici. Davvero molte perplessità ha destato dunque il voto contrario del Movimento 5 Stelle. Speciale   I TEMI DELLA SETTIMANA Democrazia paritaria L’equilibrio di genere nei consigli regionali è legge La democrazia paritaria fa un altro, fondamentale, passo avanti. L’equilibrio di genere viene esteso anche ai consigli regionali. Con il voto finale […]

    Continue Reading...

  • Roma 04 Febbraio – “Con l’approvazione dell’emendamento 1.78 all’art. 1 del ddl Mille Proroghe viene prorogato al 31 dicembre 2017 il termine ultimo dell’equipollenza dei diplomi accademici rilasciati dai conservatori e dalle accademie. Dopo numerose interrogazioni, risoluzioni ed emendamenti, volte a porre fine alle discriminazioni introdotte dalla legge di stabilità del 2012, secondo la quale i diplomi Afam di vecchio ordinamento sono stati resi equipollenti al diploma accademico di secondo livello, ovvero a laurea magistrale, purché conseguiti prima della sua entrata in vigore, cioè entro il 23 dicembre 2012. L’emendamento è stato oggi approvato in Commissione Bilancio alla Camera, annullando di fatto una disparità di trattamento per molti studenti dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica che, pur iscritti al medesimo corso di studi secondo il vecchio ordinamento, non hanno avuto riconosciuto lo stesso titolo. Adesso si aspetta che il testo venga approvato dall’aula  e dal senato.” Lo scrivono in una nota i deputati del Pd Ribaudo, Censore, Culotta,  Iacono, Speranza, Tentori e Ventricelli firmatari dell’emendamento. TESTO EMENDAMENTO 1.78 al ddl C.3513 in riferimento all’articolo 1. Dopo il comma 10, aggiungere il seguente: 10-bis. All’articolo 1 della […]

    Ribaudo (Pd): “Approvato emendamento su equipollenza titoli Afam, si pone fine a discriminazioni tra gli studenti”

    Roma 04 Febbraio – “Con l’approvazione dell’emendamento 1.78 all’art. 1 del ddl Mille Proroghe viene prorogato al 31 dicembre 2017 il termine ultimo dell’equipollenza dei diplomi accademici rilasciati dai conservatori e dalle accademie. Dopo numerose interrogazioni, risoluzioni ed emendamenti, volte a porre fine alle discriminazioni introdotte dalla legge di stabilità del 2012, secondo la quale i diplomi Afam di vecchio ordinamento sono stati resi equipollenti al diploma accademico di secondo livello, ovvero a laurea magistrale, purché conseguiti prima della sua entrata in vigore, cioè entro il 23 dicembre 2012. L’emendamento è stato oggi approvato in Commissione Bilancio alla Camera, annullando di fatto una disparità di trattamento per molti studenti dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica che, pur iscritti al medesimo corso di studi secondo il vecchio ordinamento, non hanno avuto riconosciuto lo stesso titolo. Adesso si aspetta che il testo venga approvato dall’aula  e dal senato.” Lo scrivono in una nota i deputati del Pd Ribaudo, Censore, Culotta,  Iacono, Speranza, Tentori e Ventricelli firmatari dell’emendamento. TESTO EMENDAMENTO 1.78 al ddl C.3513 in riferimento all’articolo 1. Dopo il comma 10, aggiungere il seguente: 10-bis. All’articolo 1 della […]

    Continue Reading...

  • Roma 23 Gennaio –  “Pur prendendo atto della risposta fornita dal sottosegretario D’Onghia, ribadisco che le norme introdotte dai commi da 102 a 107 della legge n. 228 del 2012 contengono evidenti disparità di trattamento tra soggetti che, pur iscritti al medesimo corso di studi secondo il vecchio ordinamento, seguono un percorso formativo dalla durata temporale differenziata, sulla base dello strumento musicale da essi prescelto. Auspico, quindi, che il Governo, nel corso della discussione sul provvedimento cosiddetto «mille proroghe» approvi l’emendamento presentato con i colleghi Ventricelli, Culotta e Rocchi, si adoperi per porre fine a tale discriminazione e assuma le iniziative necessarie a salvaguardare il valore giuridico del corso di studi secondo il vecchio ordinamento e non gli anni necessari per conseguire il relativo titolo”. E’ quanto dichiarato in una nota dal deputato nazionale del Pd Franco Ribaudo – replicando al sottosegretario del MIUR D’Onghia che ha risposto ieri nella VII Commissione Cultura, Scienza e Istruzione all’interrogazione presentata dallo stesso deputato. “La nostra proposta – concludono i deputati del PD Ribaudo e Ventricelli – è quella che venga approvato immediatamente […]

    Ribaudo e Ventricelli (Pd): “Urgente porre fine alle discriminazioni relative all’equipollenza dei diplomi accademici, presentato un nostro emendamento al mille proroghe”

    Roma 23 Gennaio –  “Pur prendendo atto della risposta fornita dal sottosegretario D’Onghia, ribadisco che le norme introdotte dai commi da 102 a 107 della legge n. 228 del 2012 contengono evidenti disparità di trattamento tra soggetti che, pur iscritti al medesimo corso di studi secondo il vecchio ordinamento, seguono un percorso formativo dalla durata temporale differenziata, sulla base dello strumento musicale da essi prescelto. Auspico, quindi, che il Governo, nel corso della discussione sul provvedimento cosiddetto «mille proroghe» approvi l’emendamento presentato con i colleghi Ventricelli, Culotta e Rocchi, si adoperi per porre fine a tale discriminazione e assuma le iniziative necessarie a salvaguardare il valore giuridico del corso di studi secondo il vecchio ordinamento e non gli anni necessari per conseguire il relativo titolo”. E’ quanto dichiarato in una nota dal deputato nazionale del Pd Franco Ribaudo – replicando al sottosegretario del MIUR D’Onghia che ha risposto ieri nella VII Commissione Cultura, Scienza e Istruzione all’interrogazione presentata dallo stesso deputato. “La nostra proposta – concludono i deputati del PD Ribaudo e Ventricelli – è quella che venga approvato immediatamente […]

    Continue Reading...

Close
Segui l'On. Franco Ribaudo
Parlamentare del Partito Democratico
rimani aggiornato attraverso i social network
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: