poste italiane Archive

  • da huffingtonpost.it Nel governo e nel Partito Democratico tutti sapevano dell’assunzione poco trasparente del fratello del ministro dell’Interno Angelino Alfano in Poste. Così come era ben noto che nell’azienda di Stato “si entrava grazie all’intercessione di sindacalisti o politici”. Lo rivela il deputato del Partito Democratico Franco Ribaudo che, insieme ad altri 35 onorevoli, aveva proposto già nel febbraio 2015 l’istituzione di una Commissione d’inchiesta parlamentare sulle modalità di assunzione nell’azienda di Stato all’indomani di un’altra indagine della magistratura che aveva svelato la Parentopoli di Poste. Il sistema clientelare tirato su per gestire autonomamente le assunzioni, “senza rispetto di alcun controllo o vincolo di trasparenza”, era ben congegnato. “La nostra proposta di una commissione di inchiesta viene fuori nei giorni della Parentopoli di Poste, quando si era scoperto che si entrava in azienda grazie a parenti di sindacalisti o politici. Si sapeva che il fratello di Alfano era stato assunto, è chiaro che c’era anche quello” tra le assunzioni irregolari, dice Ribaudo all’Huffington Post. “Ma poi ci si arriva per deduzione: con tutti i bravi avvocati che ci sono in […]

    (da Huffington Post) Assunzioni in Poste, 36 deputati del Pd chiedono una commissione di inchiesta: “Si sapeva che c’era il fratello di Alfano”

    da huffingtonpost.it Nel governo e nel Partito Democratico tutti sapevano dell’assunzione poco trasparente del fratello del ministro dell’Interno Angelino Alfano in Poste. Così come era ben noto che nell’azienda di Stato “si entrava grazie all’intercessione di sindacalisti o politici”. Lo rivela il deputato del Partito Democratico Franco Ribaudo che, insieme ad altri 35 onorevoli, aveva proposto già nel febbraio 2015 l’istituzione di una Commissione d’inchiesta parlamentare sulle modalità di assunzione nell’azienda di Stato all’indomani di un’altra indagine della magistratura che aveva svelato la Parentopoli di Poste. Il sistema clientelare tirato su per gestire autonomamente le assunzioni, “senza rispetto di alcun controllo o vincolo di trasparenza”, era ben congegnato. “La nostra proposta di una commissione di inchiesta viene fuori nei giorni della Parentopoli di Poste, quando si era scoperto che si entrava in azienda grazie a parenti di sindacalisti o politici. Si sapeva che il fratello di Alfano era stato assunto, è chiaro che c’era anche quello” tra le assunzioni irregolari, dice Ribaudo all’Huffington Post. “Ma poi ci si arriva per deduzione: con tutti i bravi avvocati che ci sono in […]

    Continue Reading...

  • Palermo 24 gennaio – “La notizia del declassamento della città di Palermo da parte di Poste Italiane ci lascia esterrefatti, perché non viene considerato il valore che il servizio può avere per una città metropolitana quale Palermo, capoluogo tra l’altro della regione Sicilia.” Lo scrive in una nota il deputato siciliano del Pd Franco Ribaudo, che nello scorso marzo ha presentato una proposta di legge per la costituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta sulle irregolarità Poste Italiane “Non convincono – aggiunge – però le lacrime di coccodrillo di Affatigato rappresentate Slp-Cisl  Palermo – Trapani che oggi fa finta di protestare attraverso la stampa, dimenticando che la Cisl ha da sempre cogestito Poste Italiane in tutti i suoi aspetti: gestione, assunzioni di  personale, trasferimenti, mobilità, clientele ecc… Una protesta – conclude – falsa e strumentale riportata oggi dalla stampa quando invece  hanno sempre partecipato al tavolo aziendale avallando ogni decisione come successo per l’ultima: declassare Palermo e distribuire la posta a giorni alterni.”   Mi piace:Mi piace Caricamento...

    Ribaudo (Pd): “Riduzione servizi Poste Italiane, dalla Cisl  lacrime di coccodrillo”.

    Palermo 24 gennaio – “La notizia del declassamento della città di Palermo da parte di Poste Italiane ci lascia esterrefatti, perché non viene considerato il valore che il servizio può avere per una città metropolitana quale Palermo, capoluogo tra l’altro della regione Sicilia.” Lo scrive in una nota il deputato siciliano del Pd Franco Ribaudo, che nello scorso marzo ha presentato una proposta di legge per la costituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta sulle irregolarità Poste Italiane “Non convincono – aggiunge – però le lacrime di coccodrillo di Affatigato rappresentate Slp-Cisl  Palermo – Trapani che oggi fa finta di protestare attraverso la stampa, dimenticando che la Cisl ha da sempre cogestito Poste Italiane in tutti i suoi aspetti: gestione, assunzioni di  personale, trasferimenti, mobilità, clientele ecc… Una protesta – conclude – falsa e strumentale riportata oggi dalla stampa quando invece  hanno sempre partecipato al tavolo aziendale avallando ogni decisione come successo per l’ultima: declassare Palermo e distribuire la posta a giorni alterni.”   Mi piace:Mi piace Caricamento...

    Continue Reading...

  • Roma 24 Settembre – “Chiediamo ai ministri dello Sviluppo economico e delle Finanze se risulti che la società Poste italiane e le società dirette controllate continuano ancora oggi a fare assunzioni attraverso agenzie interinali con contratti di somministrazioni e quanti dei contratti già esistenti a tempo determinato saranno trasformati a tempo indeterminato. Bisognerebbe infatti rendere più trasparente il sistema di reclutamento, affermando principi di legalità e pari opportunità in una società a totale capitale pubblico. Considerando però che ci sono migliaia di giovani che hanno avanzato la propria candidatura attraverso il portale web, sarebbe opportuno attingere da quel bacino per coprire le carenze di personale, applicando un metodo di selezione con criteri oggettivi e trasparenti. Quindi Poste italiane, prima di pubblicare altri bandi dovrebbe dare una risposta anche negativa, ma motivata, a tutti coloro che si sono candidati attraverso il portale”. Lo dichiara in una nota il deputato del Pd Francesco Ribaudo, che ha presentato una interrogazione ai ministri competenti circa le assunzioni di Poste. Mi piace:Mi piace Caricamento...

    Poste: Ribaudo (Pd), governo chiarisca sulle assunzioni

    Roma 24 Settembre – “Chiediamo ai ministri dello Sviluppo economico e delle Finanze se risulti che la società Poste italiane e le società dirette controllate continuano ancora oggi a fare assunzioni attraverso agenzie interinali con contratti di somministrazioni e quanti dei contratti già esistenti a tempo determinato saranno trasformati a tempo indeterminato. Bisognerebbe infatti rendere più trasparente il sistema di reclutamento, affermando principi di legalità e pari opportunità in una società a totale capitale pubblico. Considerando però che ci sono migliaia di giovani che hanno avanzato la propria candidatura attraverso il portale web, sarebbe opportuno attingere da quel bacino per coprire le carenze di personale, applicando un metodo di selezione con criteri oggettivi e trasparenti. Quindi Poste italiane, prima di pubblicare altri bandi dovrebbe dare una risposta anche negativa, ma motivata, a tutti coloro che si sono candidati attraverso il portale”. Lo dichiara in una nota il deputato del Pd Francesco Ribaudo, che ha presentato una interrogazione ai ministri competenti circa le assunzioni di Poste. Mi piace:Mi piace Caricamento...

    Continue Reading...

  • Roma 3 luglio – “Il reclutamento di lavoratori da parte di Agenzie specializzate, per conto di Poste Italiane deve rispondere a principi e criteri di trasparenza e legalità, valorizzando la professionalità ed il merito. Il responsabile S.L.P. Cisl Mario Petitto perde il pelo ma non il vizio, ed insiste con l’applicazione di vecchi metodi, secondo i quali figli e parenti dei dipendenti debbano seguire un canale privilegiato. Basta con il saccheggio familistico che tanto piace a Petitto. Basta con i vecchi sistemi attraverso i quali alcuni personaggi hanno costruito veri e propri centri di potere in Poste Italiane a discapito dell’efficienza e della funzionalità, in danno all’azienda. L’azienda Poste Italiane non può continuare ad essere esclusivamente territorio di figli, parenti, impiegati, sindacalisti, politici che ruotano intorno a poste. Si tratterebbe, questa volta sì, di un vero atto discriminatorio, nei confronti di tanti giovani disoccupati ben preparati che ne avrebbero diritto.” Lo scrive in una nota il deputato Pd Franco Ribaudo che con una interrogazione al Ministro dello Sviluppo Economico e del Tesoro ha chiesto maggiore trasparenza nelle assunzioni che in […]

    Ribaudo (Pd): “Poste Italiane, Petitto perde il posto ma non il vizio”

    Roma 3 luglio – “Il reclutamento di lavoratori da parte di Agenzie specializzate, per conto di Poste Italiane deve rispondere a principi e criteri di trasparenza e legalità, valorizzando la professionalità ed il merito. Il responsabile S.L.P. Cisl Mario Petitto perde il pelo ma non il vizio, ed insiste con l’applicazione di vecchi metodi, secondo i quali figli e parenti dei dipendenti debbano seguire un canale privilegiato. Basta con il saccheggio familistico che tanto piace a Petitto. Basta con i vecchi sistemi attraverso i quali alcuni personaggi hanno costruito veri e propri centri di potere in Poste Italiane a discapito dell’efficienza e della funzionalità, in danno all’azienda. L’azienda Poste Italiane non può continuare ad essere esclusivamente territorio di figli, parenti, impiegati, sindacalisti, politici che ruotano intorno a poste. Si tratterebbe, questa volta sì, di un vero atto discriminatorio, nei confronti di tanti giovani disoccupati ben preparati che ne avrebbero diritto.” Lo scrive in una nota il deputato Pd Franco Ribaudo che con una interrogazione al Ministro dello Sviluppo Economico e del Tesoro ha chiesto maggiore trasparenza nelle assunzioni che in […]

    Continue Reading...

  • Palermo 2 Novembre – “Piena solidarietà all’ispettore palermitano Carollo di Poste Italiane a cui  è stata incendiata l’auto e condanna del vile gesto” – Lo afferma Franco Ribaudo, deputato del Pd autore dell’interrogazione parlamentare relativa alle assunzioni che Poste Italiane ha affidato ad agenzie interinali, con spartizione clientelare di posti di lavoro tra sindacalisti. “Va sottolineato l’egregio lavoro che Alessandro Carollo ha portato avanti all’interno di Poste Italiane volta al rispetto della legalità e della trasparenza. Non sarà sicuramente questo ignobile gesto a fermare o a rallentare l’azione morale condotta dall’ispettore all’interno della società per azioni a totale capitale pubblico quale Poste Italiane. Mi attiverò personalmente con gli organi competenti per fare luce su quanto accaduto – aggiunge Franco Ribaudo – e se sarà accertato che quanto accaduto all’ispettore Carollo è un’azione ritorsiva legata o riconducibile alla sua attività e funzione ispettiva all’interno di Poste Italiane, allora sarà il caso di chiedere al Parlamento di costituire una Commissione d’inchiesta per fare piena luce su appalti, affidamenti e assunzioni relative alla gestione di Poste dell’ultimo decennio”. Minacce, misteri e proteste: dalla parentopoli […]

    Ribaudo Pd: “Solidarietà all’ispettore di Poste Italiane Alessandro Carollo”

    Palermo 2 Novembre – “Piena solidarietà all’ispettore palermitano Carollo di Poste Italiane a cui  è stata incendiata l’auto e condanna del vile gesto” – Lo afferma Franco Ribaudo, deputato del Pd autore dell’interrogazione parlamentare relativa alle assunzioni che Poste Italiane ha affidato ad agenzie interinali, con spartizione clientelare di posti di lavoro tra sindacalisti. “Va sottolineato l’egregio lavoro che Alessandro Carollo ha portato avanti all’interno di Poste Italiane volta al rispetto della legalità e della trasparenza. Non sarà sicuramente questo ignobile gesto a fermare o a rallentare l’azione morale condotta dall’ispettore all’interno della società per azioni a totale capitale pubblico quale Poste Italiane. Mi attiverò personalmente con gli organi competenti per fare luce su quanto accaduto – aggiunge Franco Ribaudo – e se sarà accertato che quanto accaduto all’ispettore Carollo è un’azione ritorsiva legata o riconducibile alla sua attività e funzione ispettiva all’interno di Poste Italiane, allora sarà il caso di chiedere al Parlamento di costituire una Commissione d’inchiesta per fare piena luce su appalti, affidamenti e assunzioni relative alla gestione di Poste dell’ultimo decennio”. Minacce, misteri e proteste: dalla parentopoli […]

    Continue Reading...

Close
Segui l'On. Franco Ribaudo
Parlamentare del Partito Democratico
rimani aggiornato attraverso i social network
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: